Sei in: —  fa parte di:

Il pubblico del Piccolo  - 1947-1964

La nostra concezione del pubblico, diceva Paolo Grassi, non ha fini utilitaristici e immediati ma propositi assai ampi e di carattere etico. Le riduzioni, le facilitazioni, noi le diamo sempre per obbedire a un certo tipo di rapporti che un teatro a pubblica gestione deve avere con la collettività.